Monitoraggio e valutazione corrente di progetti di promozione della qualità nei programmi regionali di screening mammografico

Evaluation and quality assurance of breast cancer screening programmes in Piedmont

OBIETTIVI GENERALI E SINTESI PROGETTO

Valutazione corrente e quality assurance dei programmi regionali di screening mammografico.

MATERIALI, METODI E RISULTATI ATTESI

Supporto allo sviluppo di un sistema di statistiche correnti per il programma regionale.
Si effettua in collaborazione con il Registro Tumori Piemonte, il linkage del file dei casi incidenti di tumore della mammella con quello relativo alla storia di screening e con i dati su diagnosi e terapia dei casi screen-detected per la valutazione di efficacia del programma di screening e l’identificazione dei casi intervallo.
Identificazione e valutazione dei casi intervallo tramite le Schede di Dimissione Ospedaliera (SDO).
Formazione e aggiornamento in ambito di senologia diagnostica per immagini da parte del Centro di Riferimento Regionale per la qualità nello screening mammografico (CRR), diretto da Alfonso Frigerio.

Sono condotte analisi a cadenza annuale dei dati correnti di valutazione del programma di Torino in base agli indicatori definiti e deliberati in ambito regionale.
A livello dell’Osservatorio Nazionale Screening vengono effettuate con regolarità pubblicazioni multicentriche dei dati.

STATO DI AVANZAMENTO AL 31/12/2018

Il gruppo regionale costituito ad hoc, coordinato dal CPO Piemonte, che opera in collegamento con la Commissione Oncologica Regionale e il progetto di Rete su finanziamento regionale, ha proseguito lo studio di fattibilità sulla realizzazione di una rete di Breast Unit per la diagnosi e il trattamento del carcinoma della mammella in Piemonte.
Prosegue, su base regionale e con periodicità regolare, la valutazione dei casi intervallo.
E' in corso l’analisi dell'impatto del programma di Torino sulla mortalità per carcinoma della mammella.
E' stato prodotto il report di dati aggregati sullo screening piemontese che documenta inviti, test, richiami e diagnosi istologica delle lesioni mammarie, consentendo il calcolo dei principali indicatori e il confronto interdipartimentale (fonti dei dati CSI e SQTM); tale report viene annualmente distribuito ai coordinatori dei Dipartimenti di screening.

RISORSE E FINANZIAMENTI

L’attività rientra nelle funzioni istituzionali del CPO.
Europe Against Cancer contribuisce alla valutazione del programma pilota di Torino attraverso il parziale finanziamento della ricerca dei casi intervallo negli anni 1992-1998 e della costruzione del sistema di valutazione degli indicatori di qualità del trattamento (vedi scheda relativa).
A partire dal 2004 la Regione Piemonte ha finanziato il Centro di Riferimento Regionale per lo Screening Mammografico, presso il CPO Piemonte, e il Centro di Screening di Torino.

COLLABORATORI

Sabina Pitarella, Nereo Segnan, Livia Giordano, Carlo Senore, Ettore Mancini, Alfonso Frigerio, Roberto Zanetti, Silvia Patriarca, Stefano Rosso, Giosuè Sessa, Mariano Tomatis, Maria Piera Mano, Viviana Vergini, Daniela Di Cuonzo, Giovannino Ciccone, Denise Casella, Aurora Di Leo, Paola Armaroli.

PUBBLICAZIONI

- Gallo F, Giubilato P, Larato C, et al. Introduction of a centralised system (Service) for collecting clinical data in cancer screening programmes in Piedmont (Northern Italy): a pre-post assessment of a hub&spoke model. Epidemiol Prev 2015; 39: 243-50.
- Bucchi L, Frigerio A, Zorzi M, et al. Problems, solutions, and perspectives in the evaluation of interval cancers in Italian mammography screening programmes: a position paper from the Italian group for mammography screening (GISMa). Epidemiol Prev 2015; 39: 52-7.